Il nostro corpo ospita una vasta e diversificata comunità di microbi, co-evolutisi con noi in milioni di anni1. Zendium è clinicamente dimostrato per promuovere un microbioma equilibrato.

Nella bocca vive il secondo microbioma più diversificato del corpo, in cui i batteri associati con la salute e quelli associati con i problemi orali coesistono come biofilm1-3. I problemi orali possono essere tenuti sotto controllo attraverso un microbioma orale sano e equilibrato, in cui i batteri commensali aiutano ad evitare la proliferazione dei batteri patogeni1,2,4. Gli enzimi e le proteine presenti nella saliva aiutano in modo naturale a mantenere in equilibrio questo delicato ecosistema1,4.

ZENDIUM È CLINICAMENTE
DIMOSTRATO PER PROMUOVERE UN
MICROBIOMA ORALE EQUILIBRATO*

STATO INIZIALE

SETTIMANA 14

TIPI DI BATTERI*

Batteri associati alla salute orale

Batteri associati a problemi orali

Batteri con associazione ignota

Visualizzazione dei dati reali delle specie batteriche la cui abbondanza relativa ha mostrato un cambiamento significativo dopo 14 settimane. Immagine a scopo illustrativo.

Secondo un recente e innovativo studio di microbiomica, è clinicamente dimostrato6 che Zendium promuove un microbioma equilibrato. La tecnologia NGS (next-generation sequencing) ha rivelato che l’uso di Zendium aumenta in maniera significativa alcuni batteri associati con la salute orale e riduce alcuni associati a problemi orali6. Questo cambiamento non è stato riscontrato nei dentifrici standard al fluoro analizzati nello stesso studio.
Per la prima volta, è stato dimostrato che un dentifricio formulato con enzimi e proteine può significativamente spostare il microbioma orale a livello di specie6*.

* Riferito al microbioma orale della placca e all’abbondanza relativa di specie batteriche notoriamente associate alla salute e ai problemi alle gengive dopo 14 settimane di spazzolamento per 2 volte al giorno con Zendium, rispetto alla situazione iniziale.

I FATTORI CHE INFLUENZANO
IL MICROBIOMA ORALE

Uno squilibrio nel microbioma, o “disbiosi”, può incrementare il rischio di problemi orali, inclusi carie, paradentiti e alitosi1,5. Nonostante la composizione del microbioma orale sia particolarmente stabile, esistono diversi fattori che possono portare a una predominanza nella bocca dei batteri responsabili di questi problemi1.
Visita la sessione webinar (ENG)

COME AGISCE ZENDIUM?

Formula con enzimi e proteine per una bocca protetta, in modo naturale

SISTEMA A TRE ENZIMI
E TRE PROTEINE
ISPIRATO DALLA SALIVA

La formulazione di Zendium contiene enzimi e proteine naturali che riflettono alcuni di quelli già presenti nella saliva, dove contribuiscono notoriamente ad un microbioma equilibrato4.

Il sistema a tre enzimi di Zendium (amiloglucosidasi, glucosio ossidasi e lattoperossidasi) aziona la produzione di componenti naturali antimicrobici nella saliva7,8. Zendium contiene anche altri tre proteine: lisozima, lattoferrina e colostro come fonte di IgG, tutti elementi già presenti nella saliva, dove agiscono in armonia con gli enzimi per proteggere la bocca in modo naturale4,7,9.

Un approccio innovativo all’igiene orale, idoneo per tutti i vostri pazienti

Zendium rappresenta un approccio innovativo all’igiene orale, idoneo per tutti i vostri pazienti, risultando particolarmente adeguato per le seguenti tipologie:

Clicca sulle immagini per saperne di più

Pazienti con microbioma squilibrato

Pazienti affetti da disturbi gengivali

Pazienti con mucosa orale sensibile

Bambini

Pazienti che cercano un approccio naturale

  1. Kilian M, et al. Br Dent J 2016; 221:657–666;
  2. Marsh PD. Br Dent J 2012; 212:601–606;
  3. Human Microbiome Project Consortium. Nature 2012; 486:207–214;
  4. van ‘t Hof W, et al. Monogr Oral Sci 2014; 24:40–51;
  5. Fabian T, et al. In: Wiley Encyclopaedia of Chemical Biology, 2008; 1–9. Edited by Begley TP. Hoboken, NJ, USA; John Wiley & Sons, Inc;
  6. Adams SE, et al. Sci Rep 2017; 7:43344;
  7. Lenander-Lumikari M, et al. J Dent Res 1992; 71:484–490;
  8. Unilever, data on file;
  9. Berlutti F, et al. BioMetals 2004; 17:271–278;
  10. Unilever, data on file;
  11. Salvolini E, et al. BJOG 1998; 105:656–660;
  1. Suri V & Suri V. J Midlife Health 2014; 5:115–120;
  2. Zaura E & ten Cate JM. Caries Res 2015; 49(Suppl 1):55–61;
  3. Koscielniak D, et al. Acta Biochim Pol 2012; 59:451–457;
  4. Lamont RJ & Hajishengallis G. Trends Mol Med 2015; 21:172–183;
  5. Slebioda Z, et al. Postepy Dermatol Alergol 2013; 30:96–102;
  6. Kvam E, et al. Community Dent Oral Epidemiol 1987; 15:104–107;
  7. Shim Y, et al. Oral Dis 2012; 18:655–660;
  8. Herlofson BB, et al. J Clin Periodontol 1996; 23(11):1004–1007;
  9. Jensen JL & Barkvoll P. Ann N Y Acad Sci 1998; 842:156–162;
  10. Arenholdt-Bindslev D, Bleeg HS & Richards A. ATLA 1992; 20:28–38;
  11. Segovia C, et al. Brain Res Dev Brain Res 2002; 138:135–146;
  12. Majorana A, et al. Oral Surg Oral Med Oral Pathol Oral Radiol Endod 2010; 110:e13–18.

CONSIGLIA ZENDIUM!

Compila il modulo e ricevi i campioni
omaggio per i tuoi pazienti.

Fino ad esaurimento scorte